Rottami tecnologiciL'inesorabile progredire della tecnologia rende vecchio ciò che fino a qualche anno prima era modernissimo. Alcuni oggetti sono a rischio estinzione.

Scomparsi ormai da alcuni anni dai negozi di floppy disk stanno lentamente abbandonando anche il mondo dei ricordo, almeno nei più.
I piccoli rettangoli plastici, un tempo indispensabili compagni di qualsiasi utilizzatore di computer, sono lentamente stati sostituiti da altri supporti estremamente più capaci, anch'essi ora minacciati dal  cloud.
I floppy tuttavia sono in buona compagnia fra gli elementi tecnologici in via di estinzione o già estinti.
L'avvento della posta elettronica, e di altre forme di messaggistica hanno reso il fax una macchina ormai in via di estinzione.
Fax, è l'abbreviazione del termine facsimile che individuava particolari macchine dotate di uno scanner e di una stampante solitamente termica in grado di acquisire documenti ed inviarli tramite linea telefonica ad un altro apparato simile dove la stampante provvedeva a farne una copia.
L'enciclopedia, un tempo unica fonte per rispondere alle nostre piccole grandi domande, per svolgere le ricerche scolastiche o saziare alcune nostre curiosità, è ora un elemento prevalentemente decorativo su qualche ripiano di una libreria.
L'estrema velocità con cui i dati mutano ha reso difficile aggiornare una qualsivoglia enciclopedia, ma la praticità indubbia dei sistemi telematici ha radicalmente trasformato, non solo l'enciclopedia da un punto di vista degli aggiornamenti, ma anche della sua fruizione.
Così la rete e i servizi offerti hanno decretato la scomparsa o comunque il ridimensionamento dell'enciclopedia in forma cartacea.
Rimanendo nell'ambito della carta come non ricordare le lettere, che sebbene ancora abbondantemente in uso, lentamente cedono il passo al formato elettronico.
Fatture, comunicazioni, relazioni interpersonali viaggiavano su questo antico mezzo ora sostituito dalla sua evoluzione elettronica che rende estremamente più rapido ed immediato il dialogo oltre alla gratuità del servizio.
Anch'esso legato al mondo della carta, è l'annuncio.
Gli annunci un tempo popolavano intere pagine di specifici giornali che ne raccoglievano copiosi. Il sistema è tuttora in uso ma in rapido calo vista la migliore fruibilità del medesimo servizio trasportato in rete.
Il rullino fotografico è ormai quasi definitivamente scomparso. Quello che fino a qualche tempo fa era elemento fondamentale per immortalare un ricordo, un istante, oggi è quasi pezzo d'antiquariato.
Né professionisti né fotografi della domenica usano più il rullino, ormai sostituito dal formato digitale, da sensori in grado di catturare le più minute variazioni luminose e riprodurre così l'immagine su schermi video digitali.
Una rivoluzione che ha decretato anche la scomparsa, parziale, della stampa su carta e di alcuni altri apparati, non certo famigliari ai più, ma tuttavia usati e assai diffusi un tempo per sviluppare stampare queste strisce di pellicola.
Nel campo dell'immagine altra vittima è stata la cassetta VHS, qualche decina di anni fa signora dei salotti. Incredibile rivoluzione nell'intrattenimento domestico.

La grande cassetta consentiva di vedere film, ma anche di registrare trasmissioni ed altri eventi video.
Intorno ad essa si era sviluppato un mercato di video noleggiatori e catene quali Blockbuster che noleggiavano film ma anche offrivano l'occorrente per una serata di "cinema domestico".
A decretare l'estinzione del VHS è stato un piccolo dischetto plastico iridescente che nelle prime sue fasi di sviluppo aveva già, anni prima, decretato la scomparsa e l'estinzione di grandi ruvidi dischi di vinile.
Il CD, faticosamente è riuscito ad affermarsi e a soppiantare i vecchi 45 giri o i più grandi LP. Supporti in vinile su cui mediante un'azione meccanica veniva registrata la musica.
Il CD dopo una lunga e faticosa affermazione è stato anch'esso travolto da altre tecnologie, non prima tuttavia di aver prodotto un suo successore, il DVD che, non tanto in ambito musicale, quanto nell'ambito video ha decretato la scomparsa del VHS e ora sta morendo a causa dello treaming, della rete e di altre tecnologie.
Vi sono poi anche oggetti, più che tecnologie che stanno lentamente scomparendo o che rischiano di scomparire a causa dei cambiamenti del mercato e delle mode.
Il BlackBerry un tempo considerato uno status symbol con l'avvento della iPhone e successivamente di altri smartphone su piattaforma Android ha visto un rapido declino dell'azienda che a fatica riesce a fronteggiare le insidie del mercato.
Cugino della iPhone, iPod, è stato l'artefice, dopo il Macintosh di una delle più grandi rivoluzioni di Apple. Una rivoluzione che ha completamente stravolto il mondo della musica e il modo di fruirla.
Tuttavia i moderni dispositivi telefonici hanno reso superfluo questo piccolo dispositivo che continua ad essere prodotto e venduto ma che probabilmente anche a causa dei servizi di distribuzione in streaming sarà destinato a scomparire a breve.
Un elenco lungo, una lista sicuramente non esaustiva che potrebbe essere enormemente implementata andando a cercare in nicchie e in settori più specifici o tornando indietro di qualche anno ancora. Altri dieci, ad esempio e troveremmo il mitico wolkman.
C'è poi qualche annuncio, qualche proclama che vede sentenziare la scomparsa di una qualche tecnologia ma nonostante il gran parlare, la grande attenzione, nonostante le continue minacce non sembra voler cedere il passo alla modernità.
La carta, supporto principe per tramandare idee e pensieri, sentimenti ed emozioni, viene continuamente dichiarata morta o in via di estinzione ma nonostante tutto sembra godere di buona vita. Possono si, calare le vendite per usi particolari ma nel complesso continua a godere e a prosperare.
I giornali telematici sono sicuramente in rapida crescita mentre il corrispettivo cartaceo sembra risentirne, tuttavia la completa estinzione di questa antica invenzione è ancora lontana.