Antenato Google GlassL'universo dei "prototipi" ogni anno si popola di nuove e promettenti proposte, alimentando la fantasia e le speranze di molte persone.

Idee belle e spesso impossibili quelle che animano il mondo dei prototipi. Un mondo affascinante che oltre ad alimentare le fantasie di progettisti ed aziende, alimenta i sogni di milioni di persone.
Prototipi talvolta semplici, lineari che spesso riescono a raggiungere, dopo alcune variazioni la fase di realizzazione, ma spesso, avveniristici ed affascinanti destinati ad popolare il mondo della fantasia.
Qualche volta tuttavia, rivisitati e rivisti a distanza di anni riescono a raggiungere livelli inaspettati e impensati persino all'epoca in cui vennero proposti.
Così come è accaduto ad esempio per l'iPod, pensato in tempi in cui la tecnologia non ne "consentiva" la realizzazione, ha consentito ad  Apple un balzo in avanti, e la miseria e la frustrazione (pensiamo) al suo ideatore.
Oppure i tablet che presentati in forma di prototipo in forme improbabili intorno al 1983, sono poi poi approdati alla produzione grazie al colosso Microsoft sul finire degli anni '90 (con scarso successo) per essere consacrati, dopo una mutazione stilistica andata ben oltre la fantasia del prototipo iniziale, il 27 gennaio del 2010, dopo una scenografica presentazione di Steve Jobs..
Tuttavia non sempre queste bozze di progetto, questi embrioni di idee riescono a raggiungere il livello produttivo e si perdono nei meandri della storia dopo un breve periodo di fama.
È il caso dei Sega VR che promettevano di portare la realtà virtuale nei salotti domestici.
Un'idea, un concetto che non è mai riuscita a raggiungere la produzione anche a causa del superamento delle idee stesse che erano alla base della realtà virtuale.
Stessa sorte alla televisione in alta definizione che partita con grandi investimenti e pomposi annunci di alcuni (la RAI "Giulia e Giulia e Giulia") venne superata dalla tecnologia digitale.

In questo computo c'è di tutto anche le migliaia di prototipi presentati per cercare di trovare soluzioni di archiviazione di grandi dimensioni come Sega Neptune, il mini disc, lo Zip o il Jaz di Iomega e tanti altri prodotti similari.
Nella vasta galleria non possiamo dimenticare oggetti fantascientifici come il teletrasporto, le moto monoruota o particolari evoluzioni ed interpretazioni del telefono che con contaminazioni simili a quelle dei celebri orologi della Casio che avrebbero voluto un G-Shock phone per gli amanti dell'avventura e della vita all'aria aperta. Telefono Casio
Non possono mancare nella rassegna macchine volanti che in varie forme e fogge avrebbero dovuto liberare l'umanità dei problemi del traffico e in qualche modo sganciarli dalla gravità facendogli sentire per un attimo come Luke Skywalker con il suo landspeeder.
Come non ricordare i più terreni e "fattibili" tatuaggi high-tech che sarebbero doviti mutare o addirittura fornire informazioni circa lo stato di salute del proprietario.
Un'altra vasta ed estesa categoria abbraccia tutte quelle soluzioni "ecologiche" che avrebbero dovuto rendere il mondo migliore.
Dai pannelli solari completamente integrati nei tetti delle abitazioni, fino ad arrivare alla cover dei cellulari con pannelli solari, ma anche turbine eoliche più o meno fantascientifiche per cercare di sopperire alle esigenze energetiche.
Automobili improbabili dalle forme strane bislacche, volte a risolvere questo o quel problema si sono di tanto in tanto affacciate alla ribalta insieme ad altri mezzi di trasporto per mare o per cielo.
Un vasto universo che talvolta cela idee molto in anticipo sui tempi che dapprima giudicate bislacche, sono poi divenute la chiave di volta di un successo incredibile, di un fenomeno planetario che talvolta, ai più, sfugge l'origine avendo quasi la convinzione che tali prodotti siano "sempre esistiti".
Dal mouse  alle interfacce grafiche, dalle reti ad Internet, dai cellulari agli smartphone, dai computer ai tablet, dai display LCD agli schermi piatti e via ancora per molti altri prodotti che annunciati molto in anticipo sui tempi hanno comunque rivoluzionato il futuro più o meno prossimo.