Epson EP-101È di questi giorni la ricorrenza dell'anniversario dei cinquant'anni della prima stampante Epson prodotta.

In occasione delle Olimpiadi di Tokio nell'ottobre del 1964, che una giovane società giapponese si fa notare producendo la prima stampante dalle dimensioni ridotte. Un sistema di stampa per i tempi di gara che in quell'occasione per la prima volta vengono cronometrati al 100º di secondo.
Un lavoro di rilevazione, quest'ultimo, portato a termine Seiko che è la casa madre di questa piccola azienza. La nascente Epson.
25 anni più tardi ed esattamente nel 1989 Epson arriva sul mercato con una nuova e rivoluzionaria tecnologia.
I proiettori 3LCD rendono immagini dai colori vividi e l'azienda grazie a questa mossa diviene leader mondiale nel settore della proiezione un primato che manterrà ininterrottamente fino al 2001.
Ma cos'è esattamente Epson?
Conosciuta principalmente per le stampanti e i proiettori è in realtà fra prime 100 aziende globali per innovazione.
Nel triennio preso in esame dal rapporto Thomson Reuters 2013 risulta che sono stati prodotti 17.890 brevetti unici, un valore altissimo che è distribuito nell'arco dell'intero anno, feste comprese vede 16 registrazioni al giorno.
Ad ora ha più di 50.000 brevetti attivi ed in Giappone è al primo posto sul podio dei maggiori detentori di brevetti nel paese del sol evante.
Registrazioni che vanno dalle stampanti alle tecnologie a getto d'inchiostro, passando da proiettori, tecnologia  OLED e E-Paper.

Un risultato conseguito grazie ad una lungimirante strategia di investimento che vede reintegrato il 6% del fatturato in ricerca e sviluppo.
Tuttavia il grande successo è legato a tre settori specifici stampa, proiezione e sensing.
Dopo la stampante per la registrazione dei tempi di gara, nel 1968 lancia sul mercato la EP-100 la più piccola stampante digitale al mondo ed è grazie a questo prodotto che l'azienda acquisita il suo attuale nome, EP-son, figlio di EP.
Con l'ampio diffondersi dei computer e una grafica sempre in miglioramento, nel 1994 Epson ha lanciato sul mercato la prima inkjet a colori ad alta risoluzione Epson Stylus Color consentendo a chiunque di avere copie in alta risoluzione.
Ed anno dopo anno migliorando tecnologie e materiali si è arriva a qualità decisamente elevate, consentendo riproduzioni fotografiche di notevole livello.
Sul fronte dei videoproiettori, da quella prima tecnologia 3LCD con il proiettore VPJ-700, Epson ha posto le basi per far sì che divenisse uno strumento indispensabile nel mondo degli affari e nell'istruzione.
Oggi la tecnologia dei sensori è il nuovo pilastro su cui Epson si sta impegnando cercando di crescere insieme alle nuove tendenze del mercato.
Così ha prodotto e gli smart glasses Moverio BT-200 che permettono di vivere appieno le potenzialità della realtà aumentata.
Il settore che ha costituito la base la fortuna dell'azienda non poteva e non può essere trascurato così l'interesse dell'azienda giapponese sembra ora rivolto verso le nuove tendenze della stampa. Epson sta lavorando a stampanti 3D, ad uso aziendale, multi materiale.