Mappa RSFStiamo diventando un paese libero. Pur non essendo ancora a livelli eccelsi, nella tutela della libertà di espressione, riconquistiamo qualche posizione

Questo quanto emerge dall'annuale rapporto di Reporter Senza Frontiere sulla libertà di stampa nel mondo.
Un piccolo miglioramento che ci consente di risalire di alcune posizioni dopo le pessime prestazioni degli ultimi cinque anni. Passiamo così dal 53º al 49º posto.
Non è certamente un risultato di cui vantarsi, tuttavia rientriamo negli Stati di seconda fascia.
A farci compagnia in questa seconda fascia, sebbene qualche posizione sopra la nostra, troviamo i tanto citati e spesso abusati, nei confronti, Stati uniti.

I peggiori della classe sono la Siria in 177ª, il Turkmenistan al 170º posto, la Corea del Nord 179ª ed ultimi in fondo alla classifica gli eritrei.
In vetta alla classifica i paesi del Nord del vecchio continente, Finlandia, Paesi Bassi e Norvegia quindi il Canada insieme a Irlanda, Germania Polonia e Austria e insolitamente Namibia.
Sono queste le aree geografiche dove il diritto di espressione è tutelato e difeso, lasciando ampi margini di manovra ai mezzi di informazione.
Non ultimi ma sicuramente non annoverati fra i migliori o aspiranti tali, troviamo Russia, India, l'intero Nord Africa e con notevole stacco Cina, Iran, Arabia Saudita, Sudan ed ultimi fra i peggio Cuba e Somalia.